accertamenti in corso

"Adescano bimbi", furgone sospetto a Ragusa

La polizia indaga sull'allarme lanciato ieri da una voce femminile con un messaggio audio su servizi di messaggistica istantanea, circa la presenza di un furgone di colore bianco con alcuni soggetti a bordo intenti a fotografare un bambino

La Squadra mobile di Ragusa indaga sull'allarme lanciato ieri da una voce femminile con un messaggio audio su servizi di messaggistica istantanea, circa la presenza di un furgone di colore bianco con alcuni soggetti a bordo intenti a fotografare un bambino. Il capo dell'ufficio Antonino Ciavola precisa che a livello provinciale "non risulta essere stata prodotta alcuna denuncia presso gli uffici delle forze dell'ordine. Conseguentemente, nessun comunicato o richiesta di collaborazione alla cittadinanza sono stati diramati da questo ufficio in tema di ricerche di soggetti sospettati di adescare a qualsiasi titolo minori nel territorio ibleo". Sin dalla serata di ieri, comunque, la Mobile sta effettuando i "doverosi accertamenti" volti a individuare la donna che ha diramato la nota audio, cosi' da poterla sentire al fine di verificare i fatti.
Si e' presentata negli uffici della Squadra mobile di Ragusa la donna che ha inviato la nota audio tramite messaggistica istantanea, con il quale avvertiva della presenza di un furgone bianco con alcune persone a bordo intenti a fotografare suo figlio. Una segnalazione che ha diffuso un forte timore. Ha spiegato che intendeva allertare le famiglie da lei conosciute circa quante le era accaduto: ieri intorno alle 10 presso il parcheggio del centro commerciale "Ibleo", ha notato due persone che dal veicolo avrebbero scattato a distanza una foto nella direzione del figlio. Il bambino impaurito e' corso dalla madre, le ha raccontato l'accaduto e la donna ha avvisato i vigilantes del centro commerciale. Il personale, monitorando i filmati delle telecamere di sorveglianza non hanno notato nulla di anomalo anche perche' distante dal campo di registrazione. Gli uomini della Squadra mobile, raccolto ogni dettaglio, hanno subito avviato un'attivita' di riscontro. In particolar modo sono state estrapolate ed esaminate le immagini degli impianti di videosorveglianza della zona ma, stante la distanza sistemi di ripresa, non e' stato ancora possibile risalire alla targa o modello del veicolo mai "catturato" dagli obiettivi. Sono in corso tutti i possibili accertamenti.

Categoria:

Regione: