ASP di Ragusa

Influ-Day, una giornata speciale per sensibilizzare i cittadini ragusani sul tema della vaccinazione

Si è svolto ieri, 3 dicembre, presso la sala AVIS di Ragusa l’Influ-day, una giornata organizzata e promossa dall’Azienda Sanitaria di Ragusa volta a sensibilizzare i cittadini sui temi della prevenzione e della vaccinazione.
All’incontro hanno preso parte il Prefetto di Ragusa, dr.ssa Maria Carmela Librizzi, il Questore di Ragusa, dr. Giuseppe Gammino e i Rappresentanti delle Forze dell’Ordine, Carabinieri e Guardia di Finanza. Presenti anche il presidente dell’Ordine dei Medici, dr. Salvatore D’Amanti e per la Diocesi di Ragusa, Padre Giorgio Occhipinti, Direttore della Pastorale della Salute. 
A fare gli onori di casa il Direttore Generale dell’Asp, dr. Maurizio Aricò che, visibilmente emozionato, ha accolto con calore la squadra di calcio ASD “E. C. Lupis”, composta interamente da ragazzi richiedenti asilo, ospiti dei CAS (Centri di accoglienza straordinaria) di Ragusa.
 
“La presenza delle prestigiose Autorità e della Diocesi di Ragusa, che ringrazio per la sensibilità dimostrata nel partecipare a questa Giornata – ha detto Aricò – si arricchisce anche della presenza di questi giovani immigrati. Un valore aggiunto, del resto il nostro territorio è certamente un modello di accoglienza, lo dicono i numeri degli sbarchi, e la presenza oggi di questi ragazzi testimonia che il processo di integrazione passa anche attraverso la salute. Confrontarsi sul tema dell’integrazione, intesa come superamento di modelli rigidi, paure, pregiudizi, presenti sia in chi accoglie l’immigrato sia nel gruppo di chi è accolto”.
 
Il dr. Francesco Blangiardi, Il Direttore del Dipartimento di Prevenzione, dr. Francesco Blangiardi, ha poi sottolineato che l’obiettivo deve essere quello di proteggere dalle gravi complicanze le persone più a rischio, in particolare bambini e adulti con malattie croniche, persone anziane, donne in gravidanza: “Quindi è importante vaccinarsi. Il periodo più opportuno per farlo è tra novembre e dicembre, perché i picchi epidemici si raggiungono tra gennaio e febbraio”.
 
“La campagna di vaccinazione continua – ha precisato il dr. Giuseppe Ferrera, direttore del Servizio di Epidemiologia Asp di Ragusa –  infatti gli ambulatori per la vaccinazione sono aperti anche il sabato mattina permettendo a chi ha problemi di lavoro di vaccinarsi»

Regione: